Edison: prosegue il percorso di efficientamento energetico dei beni del FAI – Fondo Ambiente Italiano

A un anno dai primi interventi di efficientamento energetico in cinque beni in Lombardia, Piemonte e Veneto, Edison rinnova l’impegno a sostegno del FAI, con nuovi progetti di illuminazione per ridurre ulteriormente i consumi e con l’introduzione di servizi di mobilità elettrica per visitatori e dipendenti.

Milano, 15 ottobre 2020 – Edison rinnova l’impegno al fianco del FAI – Fondo Ambiente Italiano per la tutela e valorizzazione dell’immenso patrimonio storico e artistico italiano. A un anno dall’avvio della partnership con la Fondazione, volta a migliorarne la sostenibilità ambientale attraverso l’efficientamento energetico delle sue dimore, Edison prosegue il percorso avviato attraverso la realizzazione di un impianto di illuminazione ad alta efficienza presso la Cavallerizza, ex maneggio militare di Milano e attuale sede della Direzione e degli Uffici del FAI, e Villa Panza a Varese, dimora settecentesca che ospita un’importante collezione di arte contemporanea. Gli interventi permetteranno di incrementare la valorizzazione degli ambienti e delle opere esposte e di ridurre i consumi di energia di oltre il 40% per la sede della Cavallerizza e del 90% per Villa Panza, evitando rispettivamente l’emissione in atmosfera di 1,8 tonnellate di CO2 e di 13,2 tonnellate di CO2 all’anno.

Edison, inoltre, nei prossimi mesi completerà l’installazione delle colonnine di ricarica per le auto elettriche nei parcheggi della sede della Cavallerizza, di Villa Panza e del Castello del Masino, in provincia di Torino, al fine di abilitare nuove forme di turismo sostenibile e di rendere green gli spostamenti della stessa Fondazione.

Con il FAI condividiamo l’impegno per la valorizzazione delle eccellenze storico-artistiche italiane: un patrimonio unico di straordinaria bellezza che richiede un impegno appassionato e una tutela costante per consentirne la fruizione al pubblico – dichiara Cristina Parenti Senior Vice President Communication & External Relations di Edison – Per Edison è motivo di orgoglio essere concretamente al fianco del FAI in questa missione, mettendo al servizio le nostre competenze e strumenti per generare valore per i territori e le comunità”.

La collaborazione tra Edison e il FAI – Fondo Ambiente Italiano è stata avviata nel 2019 con l’intervento presso la sede della Cavallerizza, dove è conservato l’archivio dell’emeroteca della Biblioteca Nazionale Braidense. Archivio che necessita di temperatura e livelli di umidità ottimali, al fine di garantirne la conservazione nel tempo. Al termine di uno smart audit dedicato, Edison ha individuato nella sostituzione dell’impianto di riscaldamento la soluzione migliore per la conservazione del patrimonio librario e al tempo stesso quella più efficiente per migliorare la performance ambientale dell’edificio, il comfort delle persone che lavorano negli uffici, nonché per abbattere i costi di gestione. È quindi stato installato un moderno impianto con pompe di calore a gas: una tecnologia che ha permesso già il primo anno di abbattere di 25 tonnellate le emissioni di CO2 e di conseguire un notevole risparmio economico in bolletta.

Oltre alla Cavallerizza, nel 2019 l’analisi con lo smart audit di Edison è stata effettuata anche presso Villa Necchi Campiglio a Milano, Villa e Collezione Panza a Varese, Villa dei Vescovi a Luvigliano di Torreglia (PD) e al Castello e Parco di Masino a Caravino (TO). Il monitoraggio e l’analisi dei consumi si è conclusa nel 2020 e ha permesso di individuare le successive aree di intervento, come i due nuovi impianti di illuminazione che saranno installati in questi mesi, permettendo ulteriori passi in avanti nel percorso virtuoso di sostenibilità intrapreso dal FAI. Un efficientamento che consentirà una riduzione della bolletta energetica di oltre il 30% e il contenimento delle emissioni climalteranti.

Edison è al fianco del Fondo Ambiente Italiano anche in occasione delle Giornate FAI d’Autunno 2020 che quest’anno, per consentire il normale svolgimento nel rispetto delle misure adottate per contrastare la diffusione del coronavirus, si svolgeranno in due weekend: il 17 e 18 e il 24 e 25 ottobre. Edison nel primo fine settimana apre la sede storica di Foro Buonaparte a Milano, Palazzo Edison, realizzato dall’architetto Enrico Combi tra il 1891 e il 1892. Le visite, solo su prenotazione, condurranno alla scoperta degli elementi di maggiore interesse, come le due vetrate a cupola al piano terra dell’edificio, realizzate nel 1922 dalla ditta milanese Vetrate Artistiche Grassi; della Sala Fontana, impreziosita al suo centro proprio da una fontana a muro in marmo che, oltre ad avere una funzione decorativa, assolveva il compito di stemperare l’odore del fumo di sigaro grazie alle sue numerose bocchette d’acqua; e due aree recentemente rinnovate: l’Orangerie destinata ad uso uffici e la zona caffetteria, una moderna area ristoro dotata di bar e cucina.

Data la grande richiesta di prenotazioni e considerate le limitazioni imposte dalla pandemia da Covid-19, quest’anno parte degli interni di Palazzo Edison sono visitabili anche in modalità remota attraverso il virtual tour di Google Street View sul sito https://www.edison.it/it/virtual-tour.

Nel secondo weekend del 24 e 25 ottobre, Edison aprirà le porte di una delle sue centrali idroelettriche: la centrale di Cedegolo in Val Camonica. Realizzata da Gio Ponti nel 1950, questa centrale è un vero e proprio capolavoro di architettura industriale e modello all’avanguardia di tecnica architettonica razionalista, basata sul valore dei volumi. I visitatori – accompagnati dai lavoratori della Centrale e dai volontari del FAI – percorreranno un viaggio che si snoderà tra l’esterno degli edifici, scoprendo curiosi punti di osservazione, fino alla sua sala macchine: un viaggio alla scoperta della lunga tradizione dell’energia idroelettrica, un metodo sostenibile e rinnovabile, che svolge un ruolo fondamentale nel raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione fissati dal Piano Nazionale Energia e Clima e che è insieme passato e futuro di Edison.

Scarica il documento
CONTATTI

Ufficio Stampa

Elena Distaso

Telefono: +39 02 62228522
Cellulare: +39 338 2500609

Email: elena.distaso@edison.it

Lucia Caltagirone

Telefono: +39 02 62228283
Cellulare: +39 331 6283718

Email: lucia.caltagirone@edison.it

Antonio Caramia

Telefono: +39 02 62228165
Cellulare: +39 366 8342902

Email: antonio.caramia@edison.it

Lorenzo Matucci

Telefono: +39 02 62227806
Cellulare: +39 337 1500332

Email: lorenzo.matucci@edison.it

Davide Calvi

Telefono: +39 02 62227834
Cellulare: +39 337 1108265

Email: Davide.calvi@edison.it