UNA PRODUZIONE SOSTENIBILE
Edison e la tutela della biodiversità

Scienza e relazione: salvaguardiamo gli ecosistemi ascoltando le esigenze dei territori

Coniughiamo competitività e sostenibilità e agiamo a tutela del paesaggio e della biodiversità. Controlliamo, monitoriamo e mitighiamo gli impatti sull’ambiente delle nostre attività produttive grazie a studi e campionamenti scientifici, ma non ci fermiamo a questo: co-progettiamo attività e iniziative per sensibilizzare le comunità sull’importanza della tutela dell’ambiente.

Il nostro approccio per la tutela della biodiversità segue 3 linee guida principali.

Tutela dell’ambiente

Applichiamo sistemi certificati di monitoraggio e le migliori tecnologie per ridurre le emissioni

Condivisione dei saperi

Attiviamo iniziative di formazione e sensibilizzazione delle nostre persone e delle imprese partner

Dialogo costante

Lavoriamo con trasparenza e coltiviamo giorno dopo giorno la relazione con le comunità locali che ci ospitano

TRACCIOLINO, ENERGIA E SUGGESTIONE

Dal 2016 abbiamo ridato vita al Tracciolino, percorso turistico della Valchiavenna tra Verceia e Novate Mezzola ricco di biodiversità. Per valorizzarlo, grazie a un team di biologi ed esperti ambientali e la supervisione del Consorzio per la promozione turistica della Valchiavenna, abbiamo coinvolto gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Novate Mezzola.

Scopri di più

Natura ed energia

Contenuto impatto paesaggistico e interventi per la salvaguardia delle specie animali. Alcune storie di tutela della biodiversità che vedono i nostri impianti come protagonisti.

Pizzighettone

La centrale mini idroelettrica di Pizzighettone rappresenta un esempio di completa integrazione nel territorio circostante grazie a una struttura per la sua quasi totalità interrata. Grazie alla “scala pesci” costruita sulla sponda destra del fiume, inoltre, è stato possibile consentire alla fauna ittica di risalire le acque garantendo così il ripristino in un tratto dell’Adda che si era impoverito per via del salto dell’acqua.

Melissa-Strongoli

Il parco eolico in provincia di Crotone è stato costruito in una zona ampia e incolta priva di vegetazione ad alto fusto. Per favorire la nidificazione di alcune specie di volatili sono state posizionate diverse casette-nido: potranno ad esempio giovare di queste strutture dei rapaci come il Gheppio o dei coraciformi come la Ghiandaia Marina.

Chievolis

Da una mappatura di tutti i nostri siti produttivi sul territorio italiano eseguita per valutare il grado di vulnerabilità da parte di questi delle condizioni di flora e fauna, la centrale idroelettrica di Chievolis è risultata quella che insisteva in un territorio più a rischio per il contesto naturalistico di particolare pregio. Dallo studio di approfondimento specifico nell’area è emerso tuttavia che le nostre attività non hanno compromesso lo stato degli ecosistemi esistenti.

San Benedetto Val di Sambro

Monitoriamo le condizioni di flora e fauna presenti presso i nostri impianti e condividiamo queste informazioni con le Pubbliche amministrazioni. È quanto avviene presso il parco eolico in provincia di Bologna entrato in funzione nel 1999 e primo esempio nel Nord Italia di produzione di energia sostenibile per mezzo della forza del vento.

COSTRUIAMO INSIEME UN FUTURO DI ENERGIA SOSTENIBILE

Tutela dell’ambiente, cura del cliente e delle risorse umane: un’energia sempre più sostenibile

Scopri di più