STORIE DI ENERGIA E INNOVAZIONE.

Abiti smart: la tecnologia che si indossa

Energia | Innovazione |

Abiti smart: la tecnologia che si indossa

I sistemi Wearables, letteralmente “indossabili”, sono strumenti frutto dell’evoluzione tecnologica e di quella cognitiva, una categoria di dispositivi elettronici, dotati di uno o più sensori e provvisti di qualche capacità di elaborazione.

La loro funzione principale è di catturare dati, da semplici a complessi, visualizzarli in qualche forma comprensibile e leggibile e condividerli.

Questi dati possono riferirsi alla banale rilevazione del numero di passi durante una camminata, al quale ormai siamo abituati, o a quella del battito cardiaco, fino ad arrivare alle onde elettromagnetiche che caratterizzano il funzionamento del cervello.

L’abbigliamento smart, wearables per sua stessa natura, potrebbe oggi comportare un’autentica rivoluzione: pantaloni dotati di sensori, magliette connesse a internet, potrebbero diffondersi molto facilmente grazie al superamento dei sistemi elettronici delicati, che se inseriti nelle fibre tessili si rovinano facilmente.

Google, a dimostrazione del proprio interesse nel settore, ha recentemente depositato al Patent & Trademark Office un proprio brevetto su controlli touch tramite gesture per i vestiti del futuro. Gli abiti smart verranno realizzati con un tessuto interattivo che include un sensore che rileva il tocco dell’utente.

Il tessuto elabora l’input e contestualmente al tipo di situazione genera dati condivisibili via wireless con dispositivi accoppiati come smartphone, tablet o smartwatch.

Dunque, ad esempio, se vorrete rispondere a una chiamata ma il vostro smartphone è in tasca vi basterà dare un comando tramite gesture al vestito per ottenere ciò che desiderate.

 

Ma cosa offre oggi il mercato?

 

Lumo Run: pantaloncini smart che evitano lesioni a chi corre.

Grazie a un sensore di plastica applicato alla cintura, i Lumo Run monitorano i movimenti intorno al bacino del corridore offrendo, in questo modo, tutte le informazioni legate alla lunghezza del passo, alla cadenza, alla rotazione del bacino e la velocità. Il costo di questo strumento si aggira intorno ai 99 dollari ma potrebbero salvarvi da errori e lesioni.

Athos: speciale abbigliamento sportivo che analizza i movimenti del corpo e misura lo sforzo muscolare, la frequenza cardiaca, la respirazione, l’equilibrio e le ripetizioni. I vestiti intelligenti Athos sono dotati di micro sensori EMG che rilevano quali muscoli stanno lavorando e invia questi dati allo smartphone.

Questi capi d’abbigliamento in una prima fase destinati solo agli atleti professionisti sono adesso disponibili sul mercato da 99 dollari in su.

 

 

 

MyZone Sports Bra: reggiseno sportivo dotato di cardiofrequenzimetro, comodo, naturalmente, e in grado di condividere i dati della frequenza cardiaca con un dispositivo collegato. Il reggiseno sportivo MyZone può condividere i dati con smartphone, smartwatches e addirittura con gli schermi in palestra collegati attraverso il sistema Bluetooth. Il monitor della frequenza cardiaca può essere naturalmente sganciato sia per essere ricaricato (la carica dura circa sette mesi) sia per poter lavare il reggiseno.

Il bra è realizzato in un tessuto ad asciugatura rapida ed è disponibile in tre dimensioni e due colori al costo di circa 50 sterline.

 

 

 

LikeAGlove: leggins che vi fanno spendere meglio. I LikeAGlove promettono di cambiare la vita di ogni donna: una volta indossati misureranno alla perfezione le vostre forme e vi permetteranno di acquistare online abiti che vi calzeranno a pennello. Una cabina virtuale, insomma.

Il prezzo di lancio è di circa 50 dollari ma ricordate: non possono essere lavati!

 

Hot pants Adidas: collaudati già nel 2012 dalla squadra di ciclismo della Gran Bretagna sono dei pantaloncini riscaldati. Grazie alla trasmissione di calore alle gambe degli atleti i muscoli necessitano di minor tempo di riscaldamento vero e proprio garantendo così più elevate prestazioni.

 

 

Incredible by Victoria’s Secret Heart-Rate Monitor Compatible Sport Bra: il primo reggiseno smart di Victoria's Secret.

Dal design molto giovanile e sportivo, presenta all'interno del tessuto alcuni sensori elettrodi nascosti che riescono a monitorare la frequenza cardiaca della persona che lo indossa. A differenza del MyZone, per il suo Sport Bra Victoria's Secret ha scelto di non installare nessun monitor per rendere il reggiseno il più comodo e meno ingombrante ma questi possono essere comunque collegati grazie alla compatibilità degli elettrodi con la maggior parte delle clip sui monitor per frequenza cardiaca. Il costo, in questo caso, è di circa 75 dollari.

 

 

Polo Tech Shirt di Ralph Lauren: polo pensata per tutti gli sportivi, sul mercato dallo scorso anno, interfacciabile con i device mobili. Questa innovativa t-shirt registra in tempo reale i dati del nostro corpo e invia i propri dati biometrici in real-time a smartphone o tablet. I dati vengono rilevati grazie alla presenza di fibre d’argento tessute nella trama della polo stessa. Il costo è di 295 dollari.