Le mappe dell’energia

Quando è cominciata la storia dell’energia eolica? E quella dell’energia solare? Quali sono i paesi che ci hanno scommesso per primi? Tutte le risposte in due mappe interattive.

Un viaggio nel tempo e nello spazio alla scoperta dell’energia del vento e del sole e della loro evoluzione. Ce lo propone Greenbyte che, studiando i dati forniti dal Global Wind Energy Council e da Solar Power Europe, ha costruito due mappe interattive che ci permettono di scoprire come queste due fonti rinnovabili di energia si sono affermate negli ultimi 35 anni.

L’evoluzione dell’energia eolica

La prima mappa mostra l’evoluzione della potenza eolica installata per Paese, per continente e complessivamente in tutto il mondo dal 1981 al 2016.

I primi parchi eolici compaiono negli Stati Uniti e in Danimarca: sono i primi anni Ottanta e le fonti rinnovabili cominciano a farsi strada. Da quel momento l’energia del vento sarà inarrestabile: i parchi eolici iniziano a diffondersi ovunque e la capacità di ogni singolo paese continua a crescere anno dopo anno. È il 1997 il momento in cui gli Stati Uniti perdono il loro primato mondiale nella potenza installata: lo riacquisiranno solo nel biennio 2008-2009.
Difficile a credersi, ma dal 2010 è la Cina a prendere il sopravvento arrivando a toccare nello scorso anno una quota del 34,8% della potenza eolica installata mondiale. Questa ad oggi è pari a 486,7 GW e negli ultimi 10 anni è cresciuta più del 400%.

Se guardiamo i continenti invece il primato spetta all’Asia con la Cina in testa. Segue l’Europa guidata dalla Germania che nel 2016 ha toccato quota 50 GW. L’Italia invece è al quinto posto nel Vecchio Continente con una capacità installata pari a 9.257 MW.

L’evoluzione dell’energia solare

La seconda mappa mostra invece l’evoluzione della potenza solare negli anni dal 1992 al 2015, mostrando come questa è cambiata per ogni Paese, continente e in maniera globale.

Scorrendo lungo la linea temporale ci si accorge come l’utilizzo di questa fonte d’energia sia cresciuta esponenzialmente: dal 2005 infatti, la potenza installata è crescita quasi del 4400%, undici volte più veloce di quella eolica.

Se il primato per l’energia eolica ha visto avvicendarsi prima gli Stati Uniti e poi la Cina, per quanto riguarda l’energia solare a contendersi la palma di più rinnovabile sono state nel corso degli anni ben quattro nazioni. Nella corsa per la produzione di energia in maniera sostenibile, hanno cercato il proprio posto al sole dapprima, anche qui, gli Stati Uniti, poi dal 1997 il Giappone e dal 2005 la Germania che ha perso proprio nel 2015 il suo primo posto. Difficile a credersi anche nel solare a conquistare il primo posto arriva la Cina con una potenza installata pari al 19,5% del totale mondiale.>

L’Italia si distingue con una posizione di rilievo:con i suoi 18.612,6 MW di potenza installata è al quinto posto della classifica mondiale.

Ma la vera sorpresa arriva dando uno sguardo alla classifica dei continenti: al primo posto in questo caso troviamo l’Europa, guidata da Germania e Italia, mentre l’Asia al secondo, con Cina e Giappone alle prime posizioni.

Osservando queste due mappe, ci si rende facilmente conto della velocità con cui l’utilizzo delle energie eolica e solare siano cresciute a livello globale: una tendenza che fa ben sperare per un futuro di energia sostenibile.