Le idee che rendono intelligente la nostra casa | Edison Pulse #SmartHome

Elettrodomestici programmabili a distanza, consumi di energia sempre sotto controllo, sistemi di sicurezza che ci permettono di monitorare tutto dallo smartphone.

La nostra casa vive già nel futuro: nel 2016, il mercato dell’Internet of Things per la smart home valeva 185 milioni di euro, con una crescita del 23% rispetto all'anno precedente. Un mercato che offre tantissime possibilità, che si traducono in altrettante occasioni per trasformare l’ambiente domestico in cui siamo abituati a vivere in un ambiente intelligente, in cui ogni cosa comunica e in cui, proprio per questo, ogni cosa funziona.

La smart home vive di intuizioni, di tecnologie e idee in grado di semplificare la nostra vita, dentro e fuori casa. Abbiamo voluto accendere queste idee dedicando una categoria di quest’edizione di Edison Pulse proprio alla smart home. Alla nostra chiamata hanno risposto 42 startup, ognuna con la loro idea. In generale, i loro progetti sono ascrivibili a tre diverse categorie: soluzioni per la gestione intelligente di qualsiasi aspetto legato alla casa(consumi, sicurezza, comfort); dispositivi e sensori connessi all’ambiente domestico in grado, per esempio, di segnalare guasti, malfunzionamenti o problematiche legate alla sicurezza; risposte innovative nell’ambito dell’Internet of Things.

Tra le 42 startup della categoria smart home, la nostra Giuria di esperti ne ha scelte quattro, che si sono assicurate così un posto in finale insieme alla startup più votata dalla rete. Ecco quali sono:

  • Nuvap (Pisa), che ha sviluppato un device in grado di monitorare tutti i parametri di inquinamento collegati al rischio salute per l'Indoor Air Quality.
  • Nova (Torino), che ha ideato un ecosistema di dispositivi intelligenti che comunicano tra loro indipendentemente da un hub centrale, in grado di far diventare smart non soltanto una singola casa ma un intero edificio.
  • Lyt Sonic (Frosinone), con il suo sistema di allarme integrato in una lampadina che ascolta e interpreta i subsuoni generati da porte e finestre, riconoscendo i tentativi di effrazione.
  • Priya (Roma), che propone un device multisensing (camera ad alta risoluzione, microfono sensibile e sensore della qualità dell’aria) pensato per la sicurezza della casa.
  • Bautiful Box (Cagliari), la startup più votata dalla rete, che ha sviluppato una console programmabile da smartphone per intrattenere gli animali domestici tutto il giorno (soprattutto quando il padrone non è in casa) con giochi che combinano suoni, luci, odori e pulsanti.

Non ci resta che scoprire chi si aggiudicherà il premio per la categoria smart home. L’appuntamento è per il 5 luglio a Milano: seguiteci su Twitter per scoprire tutto quello che succederà durante l’evento e per conoscere i vincitori di questa edizione di Edison Pulse.