La città diventa un giardino

Rinverdire le città è il sogno di molti architetti.

Per far respirare le nostre città, si moltiplicano i tetti vegetali. Centri commerciali, pensiline degli autobus intelligenti, sistemi semplici ed economici per i privati, tutti i tetti possono ora diventare dei giardini.

E se le città passassero dal grigio al verde? Se la natura urbana non si limitasse più a qualche fioriera nelle nostre piazze? E se le metropoli divenissero archibiotiche? Questo concetto sviluppato da alcuni architetti trae ispirazione dal pensiero cinese che ricerca l’armonia tra uomo e natura. Per raggiungerlo, l’archibiotica punta sull’alleanza tra architettura e biotecnologie. Sogna città costellate di edifici verdi e intelligenti, che diminuirebbero l’impatto ambientale dell’urbanizzazione.

Prima strada, abbastanza di moda, percorsa dai fautori dell’archibiotica: approfittare dello spazio disponibile sui tetti per rinverdire le città. Si ritiene che sia verde solo un quarto degli 80 ettari di tetti parigini piantumabili. Nella capitale francese sono già stati attuati alcuni interessanti progetti, come il giardino pensile sulla copertura del centro commerciale Beaugrenelle. I tetti verdi presentano numerosi vantaggi. Permettono di trattenere fino al 90% dell’acqua piovana, sottraendola alle reti fognarie, raddoppiano la durata della copertura e riducono il rumore di 15 - 20 decibel. Contribuiscono inoltre all’isolamento termico e alla regolazione delle temperature urbane. Il mercato è in pieno sviluppo. Nel 2012, la Francia ha raggiunto la soglia di un milione di metri quadrati di tetti verdi. Al primo posto la Germania, con una superficie dieci volte più ampia.

 

La natura può fare capolino ovunque in città, anche nelle pensiline di attesa degli autobus.

 


Parigi si è dotata di 900 pensiline ecologiche e intelligenti, con porta USB, illuminazione a comando dei pannelli indicatori o informazioni sonore per gli ipovedenti. Alcune hanno tetti vegetali o pannelli fotovoltaici per l’alimentazione degli schermi di visualizzazione degli orari. 

Resta un ostacolo al bosco sui tetti: i privati potrebbero storcere il naso di fronte al costo dei lavori e alle eventuali difficoltà di manutenzione. Sono molte le società che tentano di democratizzare l’accesso al tetto vegetale, come la francese Montoitvert che propone kit di montaggio semplici ed economici. Il sistema, il primo che non fa uso di plastica per la piantumazione dei tetti, è composto da rulli di drenaggio sui quali posare il tappeto di sedum, pianta resistente e di facile manutenzione. Il kit comprende anche una elettrovalvola idraulica autonoma che fa partire automaticamente l’irrigazione del tetto quando le piante hanno sete. Prezzo: 2.399 euro per un tetto di 35 mq.

Edison Casa

Scopri Edison Netatmo. Controlla la temperatura di casa e riduci i consumi.