Giuseppe Colombo, uno startupper dell’800

Quando è nata, oltre 130 anni fa, anche Edison era una startup.

La società nasce grazie all'intuito di Giuseppe Colombo, un visionario che ha segnato per sempre il settore dell'energia in Italia. Ecco le principali tappe della sua vita.

Nato a Milano il 18 dicembre 1836 da Carlo, artigiano orafo, e da Giacomina Perducchi, una ex sarta, dopo essersi diplomato presso l’I.R. Liceo di S. Alessandro, s’iscrisse nel 1853 presso l’I.R. Università di Pavia laureandosi in matematica il 30 marzo 1857.

Assistente a Pavia nel 1856, alla fine del ’57 divenne professore di Geometria Descrittiva Applicata alle Arti e di Meccanica Industriale e di Disegno di Macchine presso la Società d’Incoraggiamento d’Arti e Mestieri. Garibaldino nella campagna del ’59, dal 1861 affiancò all’insegnamento professionale quello medio ottenendo la docenza presso il R. Istituto Tecnico Carlo Cattaneo. Nel maggio 1862 ottenne la qualifica di ingegnere architetto.

Dal 1865 fu professore ordinario di Meccanica Industriale e di Costruzione di Macchine presso il R. Istituto Tecnico Superiore di Milano - collaborava però con l’Istituto fin dalla sua fondazione nel 1863 – e, alla morte di Francesco Brioschi nel 1897, gli succedette quale direttore. Partecipò alla guerra del ’66 e collaborò all’organizzazione dell’Esposizione Nazionale di Milano del 1881. In seguito alla visita compiuta a Parigi all’Exposition Internationale d’Électricité, tenutasi tra l’estate e l’autunno del 1881, costituì il Comitato da cui sorgerà nel 1884 la Società Generale Italiana di Elettricità Sistema Edison, di cui diverrà il primo amministratore delegato, carica che manterrà fino al 1891; successivamente, dal 1896 presidente. 

Consigliere comunale di Milano dal 1881, deputato al parlamento dal 1886, ministro delle Finanze nel primo gabinetto Starabba di Rudinì nel 1891, ministro del Tesoro nel secondo gabinetto Starabba di Rudinì nel 1896, fu vicepresidente della camera nel 1898 e presidente della stessa nel 1899. Nel 1900 venne nominato senatore del Regno.

Vastissima l’attività di pubblicista esercitata sulle più importanti testate tecnico-scientifiche, fu autore, per i tipi di Ulrico Hoepli, nel 1877-78 del Manuale dell’Ingegnere Civile e Industriale. Numerosi i viaggi compiuti all’estero, soprattutto in occasione delle esposizioni universali, e le cariche ricoperte in enti e società. Morì a Milano il 16 gennaio 1921.

Edison Casa

Scopri Edison Netatmo. Controlla la temperatura di casa e riduci i consumi.